La chiave di Fa o chiave di Basso – Lezione di Solfeggio 4

La chiave di basso, appartenente alle chiavi di fa, ha il suo simbolo grafico che parte dal quarto rigo.

Essendo una chiave di fa, sul quarto rigo c’è proprio la nota fa.

Per quel che concerne lo strumento del pianoforte, è una chiave molto utile a simboleggiare i suoni che più o meno partono dal centro dello strumento e procedono verso sinistra, quindi verso i suoni più gravi.

Se si studia questa chiave dopo aver imparato la chiave di violino, si consiglia di separare mentalmente bene i due linguaggi, per evitare di confondersi, proprio come se si studiasse ad esempio il francese dopo l’inglese.
Infatti a parità dello stesso segno, sul pentagramma, se cambia la chiave, cambia anche il nome di quella nota, seppur posizionata nello stesso posto.

Esempio di una nota sul primo rigo prima scritta in chiave di basso con il nome e poi in chiave di violino con il nomeNello schema a seguire vi proponiamo un gruppo piuttosto esteso di note in chiave di basso, avvisandovi anticipatamente che comunque ne esistono anche delle altre più alte e più basse, quindi con ulteriori tagli addizionali, che però evitiamo di mostrarvi in quanto più tagli addizionali si utilizzano, più difficile è per l’occhio riconoscere il nome della nota.
Una volta appresa bene la lettura delle note in chiave di basso si consiglia di iniziare ad alternare la lettura delle note anche in chiave di violino per comprenderne bene la differenza e memorizzare il tutto senza dubbi fra le due chiavi, entrambe essenziali per lo studio del pianoforte.

Se hai difficoltà nel memorizzare i nomi delle note nelle rispettive posizioni ti consiglio di allenarti scrivendo i nomi delle note sotto di esse come in questo esempio:

Non dimenticarti inoltre di allenarti a scrivere la chiave di basso!

Per assimilare al meglio queste importanti nozioni ti invito a vedere il video e se ancora non lo hai fatto iscriviti al nostro canale youtube.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *