Le note sui righi e negli spazi in chiave di violino – Lezione Solfeggio 2

Nella prima lezione del nostro corso di solfeggio abbiamo imparato che cos’è il pentagramma, com’è composto e la successione delle note. Adesso spostiamo la nostra attenzione sulla successione delle note sui righi e negli spazi, non soltanto pensando al primo rigo, secondo rigo ecc… ma dando loro il nome.

La chiave ha quindi una funzione fondamentale: dà il nome alle note.

La chiave di violino o chiave di Sol si trova sul secondo rigo, indicando così la posizione del Sol.

Individuata la nota della chiave (quindi nel nostro caso il Sol) e conoscendo la successione delle note possiamo trovare i nomi delle restanti note. Quindi sul primo rigo troviamo il Mi, sul secondo rigo il SOL, sul terzo rigo il Si, sul quarto rigo il Re e sul quinto rigo il Fa.

Le note sui righi saranno Mi, Sol, Si, Re, Fa.

È bene come metodologia ripetere questa sequenza, Mi – Sol – Si – Re – Fa, sia velocemente che lentamente.

Ora possiamo vedere le note negli spazi: nel primo spazio abbiamo il Fa, nel secondo spazio il La, nel terzo spazio il Do e nel quarto spazio il Mi.

La sequenza delle note negli spazi è quindi Fa – La – Do – Mi.

Come già spiegato è consigliabile, come per le note sui righi, ripetere velocemente e lentamente anche il nome delle note collocate negli spazi.

 

Ti lascio alcuni esercizi che ti aiuteranno ad assimilare quanto spiegato:

1) Allenati a disegnare la chiave di violino.

2) Per imparare bene questi gruppi di note vi consigliamo di allenarvi a dire velocemente la sequenza

Mi – Sol – Si – Re – Fa (per quanto riguarda le note sui righi) e Fa – La – Do – Mi (per le note sugli spazi).

3) Rispondi alle seguenti domande:

Che nota c’è sul…..
4° rigo?
1° spazio?
2° rigo?
3° spazio?
5° rigo?
1° rigo?
3° spazio?
3° rigo?

Per assimilare al meglio queste importanti nozioni ti invito a vedere il video e se ancora non lo hai fatto iscriviti al nostro canale youtube.


2 commenti
    • Emanuela Chiodi
      Emanuela Chiodi dice:

      Ciao Piero, le sette note si ripetono più volte sul pentagramma quindi potrai trovare ogni nota su più postazioni. Ovviamente anche se i nomi delle note sono uguali, i suoni ai quali corrispondono sono diversi perché sono diverse le posizioni sul pentagramma e di conseguenza l’altezza dei rispettivi suoni che saranno uno più grave se si trova più in basso e l’altro più acuto se si trova più in alto.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *